una storia, una notizia, o qualunque cosa valga la pena di essere raccontata



giovedì 30 dicembre 2010

ZANZARE E MOSQUITO'S VI AUGURANO BUON CAPODANNO

Allora...Falanghina in frigo..FATTO... Vongole..COMPRATE...Limoncello e Finocchietto .. PRESI....tric-trac e botte Pronti... SPUMANTE al FRESCO ..fatto..
Signori a Mosquito's land siamo pronti per il 2011...Augurissimi a tutti voi e ricordate...Passammo chesta notte In allegria pecchè A Capodanno Se magna e beve e non se pensa a niente

LA CANZONE DI CAPODANNO:Aprimmo l’anno nuovo Co tric-trac e botte Passammo chesta notte In allegria

Aprimmo l’anno nuovo Co tric-trac e botte Passammo chesta notte In allegria. Nascette lu Messia Avenne poveriello No voje e n’aseniello Pe vrasera, Da tanne ‘e sta manera Passato s’ò sti juorne Pe fa dispietto e scuorno A farfariello. Ca chillo marionciello Nce avea tutte aggranfate Ne ce avarria lassate E nce arrosteva, Si ntiempo non veneva Da cielo lu Guaglione, Ca p’essere sguazzone Nce preggriaje. Tutte da li guaje Volette liberarce Patenno e co lassarce Purzi a lu piello. Ma nuje che scurdarielle Non simmo mango ingrate Passammo sti ghiurnate A fa sciacquitto. E lu vedite scritto Torna lu zampugnaro Nce mette allummacare Alleramente. Nce fa venire a mente La luminosa stella, La bella grotticella E li pasture. Che gruosse e criature Dall’Angelo avvisate Correvano priate A la capanna. E cchi Ile porta o manna, Co ceste e co panare E chi lu va adurare A faccia nterra. E da lontana terra Per fine li Re Magge Cu traine e carriagge Se partettero Ch’appena che vedettero Lu cielo alluminato Dicettero era nato Lu Messia. E co gran cortesia Vediste aggenucchione De nanze a nu guaglione Tre regnante. Erode, re birbante Trasette gia’ mpaura Ca chella criatura Lo spriorava. E pecche’ se tremava Chell’arma ntaverzata, Fa fa chella salata De guagliune. Che simmele a picciune Li facette scannare Pe farece ncappare lu bambino, Cchiu’ nfame, cchiu’ assassino Nun’avite visto mai!… E nterra non chiavaie Tanno pe tanno. Ma le restaie lu nganno. Ne’ ce cacciaie niente Co tutte li nuziente Ch’accedette Che la Madonna avette Da cielo lu consiglio De ne fui’ lu figlio Tanno tanno. Sti ccose gia’ se sanno Ma quanno e’ chisto juorno Nce arrollano cchiu’ attuorno A la memoria. E sia ditta pe gloria Nce portano allegrezza Tanto che c’è priezza Pe ogni parte. E sulo all’addonare Che asciute so li ppigne Te prje a chillo signe De Natale. Vi’ mo p’ogne locale, Pe puoste e pe pontune Li rrobbe so a montune Apparicchiate. A festa so aparate, Purzì fora li vie Poteche, speziarie E bancarelle. E nne vide sportelle Panare, votte e ceste, E scatole, e caneste, E gran sportune ! D’anguille e capitune E pisce d’ogni sciorte Ne’ vide grosse sporte A centenare. Tutta sta rroba pate Potesse abbasta’ n’anno, Eppure tanno tanno Scomparisce. La gente trase e esce, E corre, va, e vene E spenne quanno tene Pe la canna. Ne’ truove chi non manna N’aurio, o nu rialo Sarra’ malo natale Non manna’ niente Lu strazio de’ nuziente Se fa co li’ capune Che songo a miliune Scapezzate. Ne, vuie quanno trovate Cchiu’ festa e cchiu’ allegria Ma la pezzentaria Nun canuscimmo. E nuie percio’ venimmo Cu festa, canto e suono P’auria’ lu buon Principio d’anno Priesto che fenarranno Li guaie e li tormiente, Ne’ mai cchiu’ lamiente Sentarraie. Spero che vedarrate Spunta’ pe vuie na stella Lucente comm’a chella E auriosa.
 Spero ch’assai sfarzosa La sciorte addeventasse E che ve contentasse A tutte quante. Si sì niuziante, Sempe puozz’aunnare Cornm’aonna lu mare Ntutte Il’ore Si po si vennetore, E tiene magazzino Se pozze ogni carrino Fa ducato. Si po si’ n’avvocato Ti dico solamente Che puozze ave’ cliente Capo tuoste. Pecchè t’abbusco vuosto Nce sta’ d’ogne manera, O perde, o va ngalera, O fa denare. Puozze, si’ si’ nutare, Fa poche testamiente, Capitule e strumiente Nzine fine. Si’ nu ngegnere fine? Trovasse ricche palazze, Pe fraveca’ palazze, E turriune O meglio e la Commune Aggranfate coll’ogne Ca Ilà sempe se magne, E se va nchino. Si n’ommo trafechino E vuò cagnare stato Rijescc Deputato O Consigliere. Tanno si Cavalierel Si lu guverno appruove, Ll’anema de li chiuove Venarranno. Si prevete? Te manno L’aurio che dimane Sì fatto parrucchiano O monsignore. Si si’ faticatore, Salute, forza e accunte Accussi’ tu la spunta E puo’ campare. Pero’ aje da scanzare Lu juoco e la cantina O ncuorpe a (a matina Niente trase. Si si’ patron ‘e case Te scanza lo Signore De malo pagatore Comm’a nuie. Che ntiempo se ne fuie Li tterze si nun pava E se porta la chiava D’altrittante. Si po si navigante, Nn’avisse mai tempeste, Fa li viagge leste E ricche ancora Si miedeco? bonora Me ‘mbroglie nveretate Va puoizo ogne malate Fa guarire Sti bobbo pozzo dire, Si si’ nu speziale Sanasse ogne male, Ogne dolore. Si po si’ giuocatore, Venga la carta mpoppa Ne puotze mai fa toppa A zecchinetto Si essere prutetto Da la fortuna vuoje, Cerca e fa quanto puoje D’essere ciuccio. Si quacche impiegatuccio Puozzo piglia’ nu terno, Si no starrai n’eterno Ndebbetato. Nzomma, nqualunque st?to Avvisse’li rricchezze E chelle contentezze Ch’ addesirie. E chi ne tene mmiria Che pozza fa na botta E Ile scennesse sotta Nu contrapiso. Troppo nce avite ntiso E ve site stufate, E nuie simrno stracquate E sete avimmo. Da cca’ non nce movimmo La faccia e’ troppa tosta Simmo venuto apposta E ll’ aspettammo. Ne ch’addesiriammo Castagne, fiche e nuce E autre Cose doce, E susamielle. Duie o tre canestrielle Abbastano a sta panza, Sapimmo la crianza E simme poche. Primma de chesso Iloche Nce aprite la dispenza, Simme di confidenza Pigliammo tutto. O provole, o presutto N’arrusto o nu castrato Sia friddo o sia scarfato Nu capone. Nuie I’obbligazione Sapimmo esattamente Nun nce restammo niente Pe farve onore Ca site nu signore Sfarzuso e corazzone, E ntutte l’occasione Nun scomparite. Piacere anze nn’avite Si v’hanno scommodato E nce addesiriate L’anno che vene. Tanno trovà cchiu bene Speranno cchiu allegria E na speziaria De cose doce. Nce resta aizà la voce Pe ve cercà licenza Dann a’ sta bona udienza bona notte E bona notte Buon capodanno a tutte, E bona notte.


SORRENTO QUESTA SERA CONCERTO DI TULLIO DE PISCOPO IN PIAZZA TASSO



PIAZZA TASSO SORRENTO
ORE 21,00
CONCERTO DI TULLIO DE PISCOPO E LA NEW BAND




mercoledì 29 dicembre 2010

In bicicletta di Cocciante


CI SIAMO MA NON CI ASSICURIAMO
E
IN BICI PASSEGGIAMO

(CI SIAMO MA NON CI ASSICURIAMO 2PUNTATA)

"Vorrei un preventivo per un 125 classe 7.." - "Con noi ricominci da zero...Sono 919,00 euro all'anno..." "E il tuo motorino di che colore è?? -"Nero.." "Ah allora sono cinquanta euro in più, se era bianco risparmiavi..."
(CI SIAMO MA NON CI ASSICURIAMO 2PUNTATA)


RICAPITOLIAMO 1 ASSIC: "C'E' STATO UN PICCOLO AUMENTUCCIO SONO 750 EURO- 2 ASSIC "MOTORINI????VADE RETRO.." 3 ASSIC ANNI? 27 -- ALLORA 1.050,00 - 4 ASSIC CON NOI RICOMINCI DA ZERO  sono 919,00 - 5 ASSIC.. SIAMO FALLITI..........to be continued



ZANZAFACE

Ogni mattina, in Africa?? no no in Italia, uno studente si sveglia. Sa che dovrà correre più veloce del pastore sardo o verrà picchiato . Ogni mattina, in Italia, un immigrato si sveglia . Sa che dovrà correre più veloce dello studente o verrà arrestato. Ogni mattina, in Italia, non importa se tu sei un pastore sardo o uno studente ... sarà meglio che cominci a correre !

Inna Babylon - The Soulplayers

Inna Babylon - The Soulplayers.....Nata bella canzone FROM THE MARINAR'S LAND OF KARUOOTS


Monique, l'atleta disabile che è tornata a camminare

Lascia la sedia a rotelle dopo tredici anni per merito di un incidente. Il fisiatra: «E' un vero e proprio mistero»

IVO ROMANO la stampa.it
Sogni che somigliano ai miracoli e sogni che non sono altro che traguardi raggiungibili. Sogni che valgono una vita e sogni che aiutano ad alleviare le sofferenze di una vita. E pazienza se i primi, avverandosi, elidono gli altri. Monique van der Vorst, olandese, era caduta in un incubo, ancora adolescente, appena 13enne. Un'operazione mal riuscita, complicazioni a catena, fino a perdere l'uso delle gambe. La sedia a rotelle, triste compagna di quotidiana esistenza, di lì alla fine dei propri giorni, secondo i medici. Chiuse in un cassetto le speranze coltivate da piccola, ecco dischiudersi altre aspettative, ben differenti, dapprima timide, poi cavalcate con insospettabile forza d'animo. Lo sport, una ragione di vita, il traino in grado di alleviare i dolori e riaccendere le luce negli occhi.

Era brava, nell'hockey su prato. Una promessa. Carriera chiusa, stroncata sul nascere. Senza per questo alzare bandiera bianca, in segno di resa incondizionata. «Presto ero tornata indipendente - racconta ora - malgrado le gambe immobilizzate: potevo muovermi, guidare, volare. E fare sport». Dall'hockey all'handbike, passo lungo, ma non così tanto da scoraggiarla. Perché se non poteva più usare le gambe non le restava che puntare sulla forza della braccia.

Ex promessa, nell'hockey su prato. Presto una certezze, nella nuova disciplina. Fino a centrare risultati prestigiosi. Tre campionati del mondo vinti, il record iridato della maratona di handcycling in suo possesso da tempo, il campionato del mondo di Ironman, il titolo di Atleta disabile dell'anno nel 2009: palmarés coi fiocchi. Senza dimenticare il curriculum paralimpico: un doppio argento portato a casa da Pechino, con l'oro nella 40 chilometri sfuggitole per 13 centesimi. Avrebbe voluto riprovarci, a Londra 2012, per provare l'ebbrezza del gradino più alto del podio paralimpico. Sogno spezzato, questo. Perché sogno piccolo, cancellato da uno più grande, di quelli che somigliano ai miracoli e valgono una vita. Un incidente, l'ennesimo. E la strada della speranza s'è messa in discesa, a partire dalla scorsa estate. Uno scontro fortuito con un ciclista, la rovinosa caduta, la sensibilità nelle gambe che sembra tornare pian piano: «Una sensazione unica: impossibile spiegare come si possa sentire qualcosa che non s'era mai sentito prima». Faticose sedute di fisioterapia, condite da massicce dosi di forza di volontà. Fino a rimettersi in piedi, come una volta: 13 anni per cadere in un incubo, altri 13 (ne ha 26) per uscirne. Come sia stato possibile, non lo sanno neppure gli specialisti: «È un mistero più unico che raro - spiega il dottor Valter Santilli, ordinario di fisiatria a La Sapienza di Roma - perché il recupero, anche parziale, se arriva, c'è nelle prime settimane dopo il trauma e comunque nei primi due anni. È improbabile che abbia avuto un ruolo il nuovo incidente: questa è una storia unica al mondo». Un miracolo, forse.

Che ha voluto condividere con il mondo intero. Ha preso in prestito da Nietzsche una frase che calza a pennello («Ciò che non mi uccide mi rende più forte»), l'ha impressa sulla home-page del suo sito. Dove, in poche righe, spiega la parabola della sua esistenza: «Sono di nuovo in piedi, è una nuova sfida. Non so quando o dove finirà, ma voglio farcela e voglio tornare a correre». Non finirà a Londra, perché il sogno più grande ha spezzato quello più piccolo. Ne resta un altro: inseguire nuovi traguardi sportivi, quale sia la disciplina.

Bobone torna in campo, vestirà la maglia del Bovista di Rio De Janeiro

A 37 anni Christian Vieri, sta per scendere di nuovo in campo nelle file del club brasiliano Boavista di Rio de Janeiro, modesta squadra semiprofessionistica che disputa il campionato regionale. A renderlo noto è il direttore generale del club, Joao Paulo Magalaes Lins, in un'intervista pubblicata dal quotidiano sportivo Lance. Vieri, ex di Juve, Lazio, Inter e Milan, nonche' della Nazionale, si sta allenando da almeno un mese nelle strutture del club. Il torneo comincia il 19 gennaio.


http://pallone.myblog.it

28 DICEMBRE 1895 BUON COMPLEANNO AL CINEMA...




 ‎"28 Dicembre 1895. A Parigi i fratelli Lumière proiettano la prima pellicola cinematografica della storia..... Buon Compleanno al Cinema....



I fratelli Auguste Marie Louis Nicholas Lumière (Besançon19 ottobre 1862 – Lione10 aprile 1954) e Louis Jean Lumière (Besançon5 ottobre 1864 – Bandol6 giugno 1948) sono stati gli inventori del proiettore cinematografico e tra i primi cineasti della storia. Produssero un singolo strumento che funzionava sia da camera che da proiettore, il cinématographe che brevettarono il 13 febbraio1894. La prima pellicola venne girata con questo strumento il 19 marzo 1895; il film era L'uscita dalle officine Lumière (La sortie des usines Lumière), che viene spesso citato come il primo documentario (anche se questa definizione è sempre stata fonte di diversi dibattiti).

Il primo spettacolo a pagamento si tenne il 28 dicembre a Parigi al Grand Café sul Boulevard des Capucines. Andarono in tour con ilcinématographe nel 1896 visitando Londra e New York. Le immagini in movimento ebbero un'immediata e significativa influenza sulla cultura popolare con L'arrivo di un treno alla stazione di La Ciotat (L'arrivée d'un train en gare de la Ciotat) e La colazione del bimbo(Le Déjeuner de Bébé), e il primo esempio di commedia con la farsa L'innaffiatore innaffiato (L'arroseur arrosé).
Dopo la presentazione del Cinematografo i Lumière vendettero numerosi apparecchi, che vennero portati in giro per il mondo creando la nuova professione dei "cinematografisti", eredi degli ambulanti che vendevano stampe nell'Europa del XVII e XVIII secolo.
Paradossalmente, i due fratelli ritenevano il cinema "un'invenzione senza futuro", poiché pensavano che presto il pubblico si sarebbe stufato dello spettacolo del movimento; per questo motivo decisero presto di occuparsi d'altro, rendendo la loro comparsa nella storia del cinema piuttosto breve.
Spostarono la loro attenzione sulla fotografia a colori e, nel 1903, brevettarono il processo "Autochrome Lumière", lanciato sul mercato nel 1907, sul quale si basa anche il più famoso processo "Kodachrome", utilizzato ancora oggi. La società Lumière fu una delle maggiori produttrici in Europa, finché il marchio Lumière non scomparve dal mercato a seguito della confluenza nel gruppo Ilford.

Inventori eclettici, i Lumière proposero anche un tipo di altoparlante e la Tulle-gras
 (un impiastro per eliminare le bruciature).

martedì 28 dicembre 2010

Foto di Luigi Russo - Caccia al Tesoro 2010 - Skuato Boys: e sono 3!!!

MINA-MELE KALIKIMAKA (New Christmas Song - NATALE 2010) - HQ

MINA - MELE KALIKIMAKA. MINA - MELE KALIKIMAKA . Per il nuovo film di Aldo, Giovanni e Giacomo LA BANDA DEI BABBI NATALE


ZANZAPLAYLIST: O è Natale tutti i giorni


Lo sai cos'è,
dovremmo stringerci le mani
... O é Natale tutti i giorni
o non é Natale mai...


Superenalotto record a Napoli due '6' da 36 milioni e una svista


Una disattenzione forse all'origine delle due supervincite. "Finito il primo blocchetto di schedine - spiega la titolare della rivendita di corso Vittorio Emanuele - invece di aprine uno nuovo abbiamo duplicato il primo. In questo modo abbiamo fatto felici due persone'




Un blocchetto di schedine duplicato per distrazione all'origine della clamorosa vincita di Napoli. "Le due giocate che hanno centrato i 6 sono state fatte a molte ore di distanza, forse addirittura in giorni differenti, visto che c'è stato il Natale di mezzo-  spiega la signora Nunzia di Lorenzo, titolare della tabaccheria di Napoli dove sono stati centrati due 6 da oltre 35,9 milioni ciascuno -  tra una giocata e l'altra ne sono state piazzate altre 120", continua la Di Lorenzo, "un numero relativamente elevato visto che non abbiamo molti clienti che giocano al Superenalotto.


REPUBBLICA.IT

Buon compleanno calcio di rigore,Nel 1890 l'invenzione di un portiere irlandese.

"Ma perché non l'ha dato?". Perché non esisteva. C'era una volta il calcio senza rigore. Sgambetti, botte, attaccanti schiacciati nel fango a due, tre metri dalla linea di porta. Esterno giorno, quasi notte, partita del Milford, contea di Armagh, Irlanda del Nord, ottobre 1890. Portiere per scelta e sopattutto "perché agli altri non va", figlio di un ricco produttore di tessuti damascati, William McCrum vede srotolarsi davanti ai suoi occhi il solito rullo di confusione dominato dal color marrone dei mucchi di terra fradicia incollati alle maglie. Gli avversari non si distinguono più dai compagni. Scarpe senza piedi dentro. Si picchiano come fabbri. Capisce che la crudeltà dei difensori sugli attaccanti non è più tollerabile. E inventa il calcio di rigore. Non poteva che essere un portiere a inventare la croce di tutti i portieri. Il momento supremo del dramma calcistico, due che si sfidano in nome di tutti gli altri, orazi e curiazi ridotti all'osso. 



Nel dicembre 1890 il campionato locale introduce l'innovazione sotto forma di provvedimento sperimentale: "Ci siamo accordati sulla distanza dalla porta ma sulla tecnica non ci metteremo mai d'accordo", ammetteva profetico

Little Willie che nel frattempo diventa Maestro Willie e con inaspettata autorità suggerisce alla federcalcio nordirlandese di sottoporre l'idea all'International Football Board, la Consulta del calcio. All'inizio gli piovono addosso risate. I dirigenti dell'Ifb la chiamano "la mozione dell'irlandese", pensano sia "una pericolosa restrizione della creatività nello sport" o, in alternativa, "roba per gente senza fegato". Invece viene accolta. Dopo mesi di rimescolamenti, il 2 giugno 1891 il "penalty kick" diventa la regola n.13 del board. A sciogliere i dubbi residui, un mani sulla linea di porta durante Notts County-Stoke. Maestro Willie viene prima depredato del brevetto e poi dimenticato. Come non bastasse, la sua famiglia cade in disgrazia. Qualche giorno prima della bancarotta ancora gironzolava fra le poche strade di Milford sulla Rolls Royce del padre.



Pare che McCrum andasse dicendo: "Quest'invenzione mi porterà sfortuna". Sarà un caso, ma è morto poverissimo in una pensionaccia fuori Milford nel natale del '32. E senza aver mai parato un rigore in vita sua.



REPUBBLICA.IT

lunedì 27 dicembre 2010

ZANZAFACE

La Benzina è arrivata a 1,50 al litro, un cifra assurda
...Quando capiremo che investire in energia alternativa è cosa buona e giusta (anche per il nostro portafoglio)

ZANZAPLAYLIST: Jovanotti - Dove Ho Visto Te


E le mie gambe han camminato tanto
E la mia faccia ha preso tanto vento
E coi miei occhi ho visto tanta vita
E le mie orecchie tanta ne han sentita
E le mie mani hanno applaudito il mondo
Perchè il mondo è il posto dove ho visto te

ZANZAPLAYLIST:Negramaro feat Elisa-Basta Così




E sarà più semplice, sorridere alla gente senza chiederle se sia per sempre o duri un solo istante,
e poi che ce ne importa a noi?


UNA SERA AL CINEMA ARMIDA: LA BANDA DEI BABBI NATALE


La banda dei Babbi Natale


CINEMA ARMIDA SORRENTO
ORARIO: 20.00 - 22.30


Sorpresi a ‘scalare' un edificio la notte di Natale, Aldo, Giovanni e Giacomo vengono arrestati e condotti davanti all'inflessibile commissario Irene Bestetti, impaziente di fare il verbale e di correre a casa a godersi in famiglia la Vigilia. Interrogato, il trio in abito rosso e barba bianca si racconta e confessa i propri affanni quotidiani. Aldo è un nullafacente col vizio per le scommesse e un amore sconfinato per Monica, esasperata dalla sua condotta, Giovanni è un veterinario irresponsabile con due matrimoni e due vite vissute tra Milano e Lugano, Giacomo è un dottore seppellito da dodici anni sotto il ricordo di una moglie defunta e corteggiato senza effetto dalla vitale (e vivente) dottoressa Elisa. Compagni di vita e di bocce, sbocciando e accostando, proveranno a dimostrare la loro innocenza e a vincere il trofeo natalizio.
Ancora una volta a Paolo Genovese riesce l'incantesimo e anche questa volta parla milanese. Dietro la scrivania un trio di Babbi Natale colti in flagranza di reato subentra ad Assuntina, bimba napoletana che boicottava la tradizione partenopea, gradendo idioma e panettone lombardo (Incantesimo napoletano). Dentro una Milano messa in note da Mina e ancorata al senso dello spettacolo da Genovese, Aldo, Giovanni e Giacomo ritrovano la via smarrita e qualche probabilità in più di capitare nei guai. Magari arrampicandosi lungo i muri di uno stabile per prodursi in un'estrema missione d'amore. 

http://www.mymovies.it



domenica 26 dicembre 2010

DiversabilArte: Sorrento: Alcuni quadri della mostra

I LIMITI SONO NELLA NOSTRA MENTE (IACCARINO G.)




CIO' CIO' DIPINGE I TANTAVOGLIADIVIVERE (COPPOLA C.)

NOI CHE NON RIUSCIAMO PIU' A GUARDARE (APREDA M.)

TUTTI I FIGLI SONO UGUALI( SARDELLA)

MODULI (LOMBARDI A.)



ALLA CONQUISTA DELLA NEVE (GRECO-MASSA)

NOT(T) E DI COLORE (SIMONE S.)
Volevo ringraziare i ragazzi, gli artisti, le associazioni , che hanno realizzato la mostra DiversabilArte a Sorrento..Stasera ho imparato che un pennello e una matita abbracciandosi possono disegnare un mondo senza barriere, che i limiti sono figure irreali, e che se uno ci riflette si accorge che il grigio è solo una sfumatura..


Sorrento: Chiostro di San Francesco dal 15 dicembre 2010 al 15 gennaio 2011. INGRESSO LIBERO

SORRENTO, DALLE 19 CONCERTO ITINERANTE DEL GRP PIEDIGROTTA SORRENTINA

SORRENTO, STASERA DALLE 19 CONCERTO ITINERANTE DEL GRP PIEDIGROTTA SORRENTINA


Alors on danse PARODIA NAPOLETANA - IMPERDIBILE


Già s sò fatt e l'un e bint,
e teng o stomc vacant,
mn aggià i a loc dint,
mannacc tutt e sacripant,
kill o problem è semp o stess,
ca n miez a vi s magn o cess.
aspiè agg vist nu pulmin,
c bell addor r arancin.
e m avvicin kianu kian,marò c addor e mulugnan.
Vabbuò allò agg decis,m pigl pur e pall e ris.
ma all improvvis nu rulor,ca s trasform in maleodor
marò k corz aggià fà ambress,m aggià assetttà n gopp a nu cess
co mal e panz... (X9)
e nun se lev stu rulor mo vac pop addo duttor
ma rat 7-8 bustin,palleggerì chisti arancin
Comm sto bell sò rinat, uard là cagg n'ticchiat
due eur e miez nu kebab, ma mo me vot rint a stu pub
ma all improvvis nu rulor,ca s trasform in maleodor
marò k corz aggià fà ambress,m aggià assettà n gopp a nu cess......(nata vot)
co mal e panz...
ahiahiahiahiahiahiai
e che mal e panz
ahiahiahiahiahiahiai, ahiahiahiahiahiahiai

che mal e panz (x2)
E sò tre iurn e chitebbiv, co mal e panz
co mal e panz (x7)
E cac ancor (X5)

Made in Sud 2 - Vivo D'angelo - Pasquale Palma


COSA E' PASSATO DA UN JEANS E NA MAGLIETTA A SENZA GIACCA E CRAVATTA UN CAGN E STAGION

Made in Sud 2 Doppia Coppia Michael Bublé

Test di italiano per avere il permesso di soggiorno, ma mancano i corsi

Dal 9 dicembre scorso per avere il permesso di soggiorno in Italia bisogna superare il test di italiano.Il problema però è dove gli stranieri possano fare i corsi?
Secondo quanto spiega Antonio Russo, responsabile immigrazione per le Acli “l’anomalia di questa procedura è quella di istituire una prova della conoscenza della lingua, senza aver prima previsto e progettato un piano articolato per l’insegnamento della lingua italiana. Chiediamo cioè agli immigrati di fare i test senza avergli mai fatto fare i corsi, se non quelli affidati all’iniziativa dei soggetti di volontariato”.
Vladimiro Polchi su Repubblica ricostruisce che chi vuole può prenotare online la prova d’esame. Entro 60 giorni dovrebbe essere convocato per il test e le prime prove dovrebbero svolgersi a febbraio 2011 presso i Centri Provinciali per l’Istruzione degli Adulti.
Non deve sostenere la prova d’esame chi ha degli attestati che certifichino la conoscenza dell’italiano a un livello non inferiore all’A2 del Quadro comune di riferimento europeo; chi ha titoli di studio o titoli professionali (diploma di scuola secondaria italiana di primo o secondo grado oppure certificati di frequenza relativi a corsi universitari, master o dottorati); chi è affetto da gravi limitazioni alla capacità di apprendimento linguistico.



sabato 25 dicembre 2010

ZANZAPLAYLIST:Caro Emerald - A Night Like This - Official video

Adotta una ricetta di Natale

La giuggiulena siciliana e la finanziera piemontese, lo zelten di Bolzano e il pane di Cristo di Trieste. Chi li ha visti? Dalla Sicilia alla Valle d'Aosta, anche il pranzo natalizio fa i conti con la globalizzazione. Sulle tavole si portano i cibi dei giorni di festa - lasagne, arrosti e panettoni - ma non più legati al territorio. Dall'Accademia italiana della Cucina arriva l'appello a proporre in famiglia un piatto a rischio dimenticatoio ...
Le ricette da adottare per Natale:

Valle d'Aosta: Mocetta, Carbonade

Piemonte: Agnolotti al plin, Bue bollito

Liguria: Cappon magro, Pandolce

Lombardia: Casoncelli in brodo, Cappone ripieno con mostarda di Cremona

Veneto: Ravioli in brodo di cappone, polenta e baccalà

Trentino Alto Adige: Canederli, Zelten

Friuli Venezia Giulia: Brovada e muset

Emilia Romagna: Tortellini in brodo, Panone di Natale

Toscana: Arrosti misti, dolci senesi

Marche: Maccheroncini di Campofilone al sugo, Pizza de Natà

Umbria: Cappelletti ripieni di cappone e piccione, Panpepato

Lazio: Abbacchio al forno, Pangiallo

Abruzzo: Minestra di cardi, Ferratelle

Molise: Pizza di Franz in brodo

Campania: Cappone imbottito con Insalata di rinforzo

Puglia: Anguilla arrostita con alloro, Cartellate

Calabria: Scilatelle con ragu di maiale, Quazunielli

Basilicata: Minestra di scarole, Picciliatedd

Sicilia: Pasta con le sarde, Mustazzoli

Sardegna: Culurgiones de casu, Pabassinas di noci
 
ESPRESSO.IT

Meno male che è Natale! -Checco Zalone-

Io Sò Bell (Jingle Bells) - Checco Zalone [Zelig]

Io So' Bell, tu si bell simm tutt bell a Natale par Bell pur o Maresciall


SORRENTO, ALLE 19 SFILATA DELLE SQUADRE DELLA CACCIA AL TESORO

VENERDI 25 DICEMBRE


CORSO ITALIA
ORE 19.00
Sfilata delle squadre partecipanti alla CACCIA AL TESORO DI NATALE

giovedì 23 dicembre 2010

Negramaro - Quel matto sono io


Ho sentito dire che c'e' un matto in giro con le tasche
piene di parole e sogni che nessuno ha realizzato
e non sa coltivare se non dentro la sua testa vuota
e dentro le speranze di chi non ha mai deciso niente
sono ancora avvolti in cellophane e carta d'alluminio
e pesano di tutti quei rimpianti che ogni uomo ha dentro
e pensano che siano ottimi rimedi contro il tempo
perche' possa un giorno muoversi in un altro senso

ho sentito dire che quel matto e' ancora in giro adesso
e vomita parole da un megafono che resta spento
e non si da' mai pace fino a quando ogni sguardo e' appeso
alle sue tasche ancora troppo piene di conigli e fiori
e solo adesso me ne rendo conto che non c'e' nessuno in giro
e che e' soltanto quel che penso mentre poi mi guardo intorno
cio' che vedo e' il mio riflesso su uno specchio troppo stanco
di morirmi sempre addosso

quel matto son io
che vorrebbe un cappello piu' grande
ed un paio di mani piu' attente
che nascondan bene perfino alla gente
il segreto
di quel che son io
che se avessi un cappello piu' grande
ti terrei da quel mondo distante
tra fiori e conigli non pesa alla gente il segreto
di te
tra fiori e conigli perfino la gente ha paura
di me

ho sentito ridere dell'uomo e delle debolezze
ogni volta che per ogni sbaglio ha perso le certezze
dentro a quel cilindro nero non nasconde piu' sorprese
solo quello che rimane senza trucco e senza attese
sembra un pozzo senza fine e senza fiori da mostrare
i conigli tremano non sanno piu' scappare
poi mi guardo intorno
e' sbiadito il mio riflesso
su uno specchio troppo stanco
di morirmi sempre addosso

quel matto son io
che vorrebbe un cappello piu' grande
ed un paio di mani piu' attente
che nascondan bene perfino alla gente
il segreto
di quel che son io
che se avessi un cappello piu' grande
ti terrei da quel mondo distante
tra fiori e conigli
non pesa alla gente
il segreto
di quel che son io
tu sai chi son io
che se avessi un cappello piu' grande
ti terrei da quel mondo distante
tra fiori e conigli
non pesa alla gente
il segreto di te
tra fiori e conigli
non pesa alla gente
il segreto di me
tra fiori e conigli
perfino la gente
ha paura di me

http://www.angolotesti.it/

TANTI AUGURI A....

Tanti auguri a tutti Voi, agli abitanti di Mosquito's Land alla mia letyzanzariera, ai festolesi,al Buon Pietrino a San Ratto, al Diez, al SocioPositano, alTalento assoluto,ai Soulplayers,A Sissk,a Mario Bulldog,aPeppino Di Maioundseine Freundin,al maestroSciplino alloJubilo e al Rione MARANO,ai miei cugini vicini elontani,a Mr Pierpaolo,a Mike e Nanà,a Stella86,alla Red Carpet, a Jose e alle Renne di Babbo Natale  al buon Peppino vvolpone, alla Tab. Del Giudice, al Paradise Staff, a edinson e Famiglia,ai calderari, a Mario Mormone che il 25 si ritroverà un rosso in casa (Babbo Natale ndr),   tanti auguri anche a Cuci-Nando Scuci-tore e alla Baldini' s Family e poi non potevo dimenticare il numero 11 più forte della storia festolese Feliz Navidad a Magic Lino,Augurissimi anche a una Zanzara Americana Mr Francesco Sorrentino, ai V.A.,a Salvatore Prisco, a Claudio,ai tifosi del Napoli ad Ale Lauro e a tutti quei ragazzi che s'impegnano per cambiare questo paese..., Tanti auguri a tutti quelli che lavorano con me al Leone Rosso, a Stefano, a Giuannone, a Nicola  e Giggino ,a Mast'Antonio da Arola, tanti auguri al mitico Giovanni Gin Tonic e a Tonino a Germania, alla Mele's Family.....Al dino Zoff delle Consolle Dj Nando Fruscio


AUGURI IN PROGRESS

Disney Christmas Song

Antitrust: «Power balance», multa di 350mila euro a chi lo ha commercializzato


Sanzionate le aziende «Power Balance Italy» e «Sport Town»: il braccialetto non incide su equilibrio e forza


MILANO - Non si sa se chi lo comprava credesse veramente nelle sue capacità taumaturgiche o lo comprava perché gli piacesse da un punto di vista estetico. Fatto sta che l'Antitrust ha comminato una multa da 350mila euro alle società che hanno distribuito e commercializzato in Italia il braccialetto «Power balance», diventato un must nell'estate 2010.
LA SANZIONE - L'Autorità guidata da Antonio Catricalà ha deciso di sanzionare le aziende «Power Balance Italy» e «Sport Town», rispettivamente per 300mila e 50mila euro, per la mancanza di un riscontro scientifico alle millantate caratteristiche del gadget, ovvero la pretesa capacità di incidere sull'equilibrio e la forza fisica. In sostanza, i consumatori sono stati indotti all'acquisto con un messaggio scorretto. L'Antitrust ha adottato il provvedimento basandosi sul parere fornito dall'Istituto Superiore di Sanità, che ha escluso ogni evidenza scientifica delle qualità promesse con enfasi dalla martellante campagna pubblicitaria messa in campo dalle due aziende. Nessuna controindicazione, invece, è emersa per la salute e la sicurezza dei consumatori.
CORRIERE.IT

Piano di Sorrento,sequestratti 890 kg di pesce avariato...

Piano di Sorrento. Pesce scaduto nel 2002 pronto a finire sulle tavole dei consumatori e dei clienti di noti ristoranti della penisola sorrentina. Importante sequestro messo a segno dalla capitaneria di porto di Castellammare di Stabia agli ordini del capitano di fregata Giuseppe Menna. Sono stati trovati all'interno di un deposito annesso ad un centro di distribuzione di Piano di Sorrento 890 kg di pesce congelato avariato. Dentici, calamari, polipi, gamberi, tonno, astici e ricciole. Il prodotto più fresco tra quello sequestrato era datato 2009. Ma la data di scadenza per buona parte del pesce risaliva addirittura al 2002. Quello finito nel mirino è un noto centro di distribuzione di prodotti nel centro di Piano di Sorrento.


tratto da Metropolis
http://www.positanonews.it/

mercoledì 22 dicembre 2010

FANTACALCIO BAR PARADISE CLASSIFICA 17 GIORNATA TOP 20











1
I PROMESSI SPOSI
73,5
1296,5
2
SEVEN
82
1293
3
COBRA
71,5
1267,5
4
IN VACANZA DA UNA VITA
74,5
1258
5
ZI NTONIO
70,5
1257,5
6
LONDONAPLES
77
1257
7
FANTALEO
63
1256
8
REGNO SUDISTA 1999
75
1253,5
9
ALL BLACKS
69
1253
10
POCHO GOL
71
1253
11
AECQUENSE
67
1245
12
FANTACIOCCO
65
1243,5
13
SUPERPIPPO TEAM
76
1243
14
SAYOOPS
65,5
1239,5
15
MOLOTOV
70,5
1239,5
16
CI RIPROVO…WHY NOT?
76
1238,5
17
TEAM BROGLIO
78,5
1238,5
18
FATTORE X
67
1237,5
19
DAL PRESIDENTE
73
1237,5
20
LAST MINUTE
73
1237
        92                   SCACCIALAZANZARA
81,5
1191,5



VINCITORE DI GIORNATA
35
POCHO PARADISE
84
1222


IL VINCITORE DI GIORNATA è POCHO PARADISE CHE GRAZIE ALLE RETI DI MAXI LOPEZ-BORRIELLO-CAVANI ED HERNANES TOTALIZZA 84 PUNTI E SI AGGIUDICA L'AMBITA, VITTORIA  SFIORATA  INVECE DAL TEAM ZANZARO CHE ARRIVA TERZO CON 81,5 ED ENTRA PER LA PRIMA VOLTA NEI PRIMI 100 :) (PIANO PIANO RISALIAMO...)


AVVISO:

GLI ORGANIZZATORI RICORDANO  A TUTTI I PARTECIPANTI
CHE IL MERCATO DI RIPARAZIONE
SARA' APERTO A PARTIRE DAL 03/01,
SI POTRANNO EFFETTUARE I CAMBI IN TUTTO IL MESE.
EVENTUALI PROROGHE SARANNO COMUNICATE SUCCESSIVAMENTE.